Booking CAMERE

Scrolla per leggere

HomeRistorazioneProdotti tipici

Prodotti tipici

Per tutti i gusti ...

Patria di tradizioni ancora vive, il Friuli ha saputo passare da generazione a generazione anche i suoi inediti prodotti e ricette, nonché preservare specie di piante e vitigni che solo qui hanno il loro habitat: frico, pitina, muset, brovada, tazzelenghe, schioppettino, scuete fumade, formadi salât Asìn.

La cucina friulana rispecchia compiutamente le tre culture che sono alla base della civiltà regionale: latina, germanica, slava. I suoi piatti sono semplici, ma molto gustosi. Sulle tavole friulane hanno grande rilevanza i piatti freddi costituiti dai numerosissimi prodotti agroalimentari, dai salumi ai formaggi, ma anche primi e secondi piatti che ripropongono ricette tradizionali e modi di conservare e cucinare tipici. 

Per gli abitanti dei Magredi i cibi e bevande tipici della regione sono il "pane quotidiano" perché frutti della loro terra e di una cultura millenaria, due matrici esistenziali in grado di dare ad ogni persona di questa regione (come dovrebbe essere per tutte le regioni del mondo) una particolare identità  a livello planetario.  Vi invitiamo a conoscere alcuni dei cibi e le bevande tipici della zona attraverso gli Artigiani del Gusto, amici partner per gustare insieme i Magredi.

Peta, Petuccia, Pitina
 

Delle Valli Pordenonesi è originaria la Peta che si preparava inizialmente con carne di selvaggina. Oggi è più facilmente reperibile quella ottenuta con carne di pecora e montone, eventualmente è ingentilita da una parte di grasso di suino e carne di manzo. La carne viene tritata finemente e impastata con una concia di sale, pepe, finocchio selvatico e altre erbe, pressata o insaccata e fatta affumicare.

La pitina si mangia cruda a fettine, dopo almeno 30 giorni di stagionatura, ma è ottima anche cucinata. Può essere scottata nell’aceto e servita con la polenta, rosolata nel burro e cipolla e aggiunta nel minestrone di patate, o ancora fatta al cao, cioè cotta nel latte di vacca appena munto.

Salame friulano
Tra gli insaccati da affettare merita la prima menzione. Viene prodotta nell’intera regione con carne scelta, miscelato con lardo e spezie, senza escludere una leggera affumicatura aromatizzante con legna di alloro, pino silvestre, ginepro. 

Formaggio salato Asìno / Formadi salât Asìn
Il sale che scende dai monti al mare
Di antichissima tradizione, la sua produzione è originaria della zona di Clauzetto e Vito d’Asio e si è diffusa a destra del Tagliamento.
Fresco, all’età di circa un mese, è un ottimo formaggio da tavola. L’Asìn morbido è cremoso, spalmabile e ha gusto sapido e leggermente piccante.
Il grande consumo di questo formaggio si fa dopo che si è stato immerso, per al meno 2 o 3 mesi, in una salamoia speciale che gli dà un sapore marcato: diventa più duro, più sapido e piccante, gustosissimo, preferito dagli dilettanti del buon vino. A tavola viene solitamente consumato con la polenta.

Formaggi delle Valli Pordenonesi
Le valli pordenonesi producono un fieno inimitabile per alimentare vacche, pecore e capre da latte, facile immaginare la qualità dei formaggi che prendono il nome dalle colline dell’Asio. Montasio, "asin", caprino di Pinzano, formai frant, formai dal cit, squeta fumada, malga e Magredi: ecco alcuni nomi che evocano da soli aromi e sapori d'un tempo andato.

Cipolla Rossa di Cavasso
E' un presidiu Slow Food che viene coltivato nella zona pedemontana del Friuli occidentale, e in particolare l’angolo di territorio racchiuso tra i torrenti Meduna e Cosa. Fino agli anni '60 la cipolla rossa di Cavasso Nuovo ha rappresentato un'importante e preziosa risorsa per gli agricoltori di questa zona. Dentro, un cuore croccante e dolce, che la rende ottima anche da mangiare cruda e mai piccante. Le cipolle di Cavasso erano in passato note in tutti i territori circostanti, rinomate e ricercate per il colore d'oro con screziature viola, per la consistenza croccante, il gusto dolce e le benefiche proprietà purificanti.


Mele Antiche
Nelle vicinanze di Maniago un gruppo di persone sensibili, amanti di questo territorio coltiva le mele antiche che tempo fa venivano esportate in Austria e perfino nel lontano Egitto. Queste piante infatti, producono il loro frutto senza bisogno di trattamenti chimici o potature radicali, regalando al fortunato fruitore un frutto geneticamente integro, generoso di gusto, ricco di vitamine, assolutamente privo di elementi chimici estranei. 

Musetto/ Muset
E’ un misto di carne suina variamente aromatizzata e insaccata dopo macinatura, composto da carne magra, cotica di lardo, muscoletti interni teneri, muso ed eventualmente un po’ di lardo sodo.
E’ il più caratteristico degli insaccati friulano, certamente nell’abbinamento con la brovada, altrettanto tipicamente friulana e la cui preparazione si può rintracciare anche nel ricettario romano. Questo piatto viene preparato già dalla metà dell’ottocento, come annotato nel libro “Mangiare e bere friulano” di Giuseppina Perusini Antonini. 

Brovada / brovade
E’ un prodotto a base di rape bianche macerate e fermentate nelle vinacce per almeno un mese, poi finemente affettate e consumate cotte o crude, come contorno di carni bollite (specialmente di maiale) oppure come ingrediente per minestre (insieme ai fagioli, patate e altre verdure).


Miele di Castagno
II miele di castagno, che deriva dal nettare di Castanea sativa, per l’alto contenuto in fruttosio si mantiene liquido a lungo; si presenta di colore ambrato più o meno scuro. Più è puro e più è di colore ambra chiaro.


I Vini delle Grave
Il saporito e particolare cibo friulano è accompagnato da vini delle Grave, che sono, nella maggior parte, vini freschi e ‘giovani’, fruttati e stimolanti e andrebbero bevuti entro l'anno, specialmente i vini bianchi. Per i vini più acerbi (specialmente i rossi autoctoni) è consigliabile un invecchiamento di uno o al massimo due anni. I vini delle varietà a bacca bianca si presentano freschi, fruttati ed eleganti; i rossi armonici e profumati da giovani, pieni e strutturati se invecchiati.


Grappe e liquori dei Magredi
I distillati fanno parte della cultura enogastronomica dei Magredi e del Friuli. Ogni prodotto è un mosaico unico di ingredienti, raccolti e lavorati con la saggezza e l'affidabilità della tradizione. 

Questo sito utilizza cookie e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione al suo interno. Il sito NON utilizza cookie di profilazione per inviare messaggi pubblicitari, tuttavia potrebbe consentire l'invio di cookie di "terze parti", ossia di cookie installati da un sito diverso tramite il sito che si sta visitando. Interagendo con questo sito presti il consenso all'uso dei cookie. Cliccando su "Maggiori Informazioni" accederete alla versione completa della "Politica sui Cookie".
Accetto Maggiori informazioni
X